<b>ABBAZIA DI SANTA MARIA DI LUCEDIO</b>
zoom
ABBAZIA DI SANTA MARIA DI LUCEDIO

ABBAZIA DI SANTA MARIA DI LUCEDIO
Biblioteca cistercense

Il marchese Ranieri del Monferrato donò agli inizi del XII secolo una vasta porzione dei territori di sua proprietà ad un gruppo di monaci cistercensi provenienti dalla Francia.
Essi si insediarono nei pressi dell’antica Silva de Loceio e nel 1123 fondarono l’abbazia dedicata a Santa Maria, filiazione del monastero di La Fertè in Borgogna.

In quasi 900 anni di storia Lucedio ha vissuto lo splendore e il declino, ha visto alternarsi abati e monaci, dominazioni e governi, ha contribuito a creare un paesaggio unico grazie alle sue grange, unità agricole che furono alla base della ricchezza e della conseguente potenza dell’abbazia.

L’abbazia di Lucedio è infatti uno dei siti d’eccellenza del sistema ecomuseale delle Terre d’Acqua, un vasto territorio che interessa la pianura vercellese, compresa tra i fiumi Sesia, Po e Dora Baltea e interamente occupata dalla distesa delle risaie, suggestive in ogni stagione.

La pubblicazione di Sagep Editori, caratterizzata da un testo documentato e da splendide immagini, prima uscita della collana Biblioteca cistercense, permette di scoprire – anche alla luce dei recenti restauri – i tesori artistici e architettonici di questo monumento.
<b>ABBAZIA DI SANTA MARIA DI LUCEDIO</b>
ISBN:  978-88-7058-983-2
Anno:  2010
Note:  Caratteristiche tecniche: punto metallico – formato cm 13,5x21 – 24 pagine con foto a colori Disponibile in due lingue: italiano e inglese ISBN: 978-88-7058-983-2 (italiano); 978-88-7058-989-4 (inglese)