I macachi di Albisola
zoom
I macachi di Albisola
  • I macachi di Albisola

I macachi di Albisola
Il presepe popolare ligure
AAVV

In Liguria c’era una tradizione colta del presepe, realizzato soprattutto in legno, con figure di grandi dimensioni, che ebbe il suo massimo sviluppo nelle botteghe attive nel ’700 (Maragliano in primis), ma fu vietata dagli editti dell’età napoleonica.
Ad Albisola, terra di ceramica, il presepe rinacque nella forma più povera, ad opera di chi, vecchie e bambini, per l’età, era fuori dal mondo del lavoro e doveva convivere con una diffusa povertà. Gli ingredienti non costavano nulla: un pugno di argilla di scarto, la lavorazione in casa, la cottura gratuita nei forni delle tante fabbriche di stoviglie (ad Albisola, a inizio ’900, ce n’erano più di 50).
Le statuine, specie quelle più antiche, sono oggettivamente brutte, approssimative nei lineamenti e nei colori (fu per questo che i ceramisti in passato sprezzantemente le chiamarono così – “Macachi” –, tanto erano lontane dalle opere che nascevano dalla loro arte), ma cariche del sentimento e anche della fede di chi artista non si sentiva affatto, e le realizzava per venderle e rendere un po’ meno povere le feste di Natale.
È una magia, quella dei Macachi, che ben si addice al periodo di Natale, e che il lettore potrà ritrovare nel volume di Sagep Editori grazie a una serie di testi documentati e a splendide immagini a colori.

I macachi di Albisola
ISBN:  978-88-6373-146-0
Pagine:  144
Anno:  2011
Note:  È una magia, quella dei Macachi, che ben si addice al periodo di Natale!

Titolo  
I macachi di Albisola
€    15,00