Giorgione e Savoldo
zoom
Giorgione e Savoldo

Giorgione e Savoldo
Note di un ritratto amoroso
a cura di Elena Lucchesi Ragni e Paolo Bolpagni

Gli spazi espositivi del Museo di Santa Giulia ospitano un ciclo di mostre in tre episodi dal titolo A Brescia opere da grandi musei. Rinascimento, che si susseguiranno sino ad aprile 2015 e che offriranno al pubblico l’opportunità di ammirare opere provenienti da prestigiosi musei nazionali e internazionali a confronto con i capolavori dei Musei Civici bresciani.


Lo spunto è offerto da alcuni capisaldi della Pinacoteca Tosio Martinengo, la civica raccolta pittorica formatasi a partire dalla metà dell’Ottocento grazie al lascito del conte Paolo Tosio.


È un progetto pensato per comporre un articolato ragionamento storico-critico sul Rinascimento italiano: dall’area padano-veneta, con Giorgione e Savoldo, alla Firenze di Fra Bartolomeo e della Scuola di San Marco, fino al palesarsi del giovane Raffaello con la sua prima opera, la Pala di San Nicola da Tolentino.
I primi due protagonisti del ciclo di esposizioni sono Savoldo e Giorgione, che ci portano nella Venezia dei primi decenni del Cinquecento, dedita alla voga letteraria del petrarchismo e a infiniti conversari sull’amore, sulla sua
essenza e sugli effetti da esso generati.

Giorgione e Savoldo
ISBN:  978-88-6373-298-6
Pagine:  60
Formato:  17x24 cm
Anno:  2014
Note:  CATALOGO DELLA MOSTRA ALLESTITA PRESSO IL MUSEO DI SANTA GIULIA DI BRESCIA (12 settembre – 9 novembre 2014)