Alessandria e Asti nel Seicento
zoom
Alessandria e Asti nel Seicento

Alessandria e Asti nel Seicento
Repertorio antologico della pittura genovese e lombarda
a cura di Alessandro Morandotti e Gelsomina Spione

Il repertorio antologico fotografa il patrimonio delle opere d’arte lombarde e genovesi storicamente attestato nelle attuali province di Alessandria e ad Asti, due territori dell’odierno Piemonte dalle vicende assai articolate.

Emerge con immediatezza che se per l’alessandrino, nel Seicento ‘conteso’ tra Stato di Milano, Repubblica di Genova, Stato sabaudo, Ducato di Monferrato e feudi imperiali (in mano perlopiù ad aristocratici genovesi), le opere lombarde e genovesi costituivano lo scheletro portante del patrimonio artistico locale, per Asti e per il suo territorio, nel XVII secolo divisi tra Stato di Milano, Ducato del Monferrato e Stato sabaudo, avviene qualcosa di diverso. Ad Asti si parla una lingua molto più meticcia rispetto a quella di Alessandria.

In una serie di saggi introduttivi e in circa 200 schede prende vita una storia figurativa a lungo trascurata, ricca di riscoperte e ritrovamenti anche di primo piano, e riemerge così l’arredo pittorico storicamente attestato negli edifici ecclesiastici dei territori indagati, spesso in attesa di cure conservative e restauri.

Alessandria e Asti nel Seicento
ISBN:  978-88-6373-320-4
Pagine:  144
Formato:  23x28 cm
Anno:  2014

Titolo  
Alessandria e Asti nel Seicento
€    30,00