Nella città d’Asti in Piemonte
zoom
Nella città d’Asti in Piemonte

Nella città d’Asti in Piemonte
Arte e cultura in epoca moderna
a cura di Alberto Marchesin, Paola Nicita, Blythe Alice Raviola, Andrea Rocco

Il titolo della mostra attinge dalla Vita di Vittorio Alfieri, l’astigiano più celebre del tempo e pure colui che, con spirito critico, denunciò il clima provinciale del luogo natio.
A quest’immagine retrospettiva, di Asti ormai lontana dai fasti medievali che riposava placidamente all’interno della compagine del Regno di Sardegna, corrisponde in realtà una città che aveva conosciuto altri momenti di estrema visibilità.
Sono quelli attorno ai quali i curatori hanno ragionato nel rintracciare un filo rosso che unisse le opere restaurate in occasione dell’esposizione e sono quelli che costituiscono all’incirca gli estremi cronologici della rassegna: l’assedio di Asti del 1615 e la Repubblica Astese del 1797. Indagandoli attraverso i documenti e le opere d’arte, i due eventi hanno permesso di delineare un’immagine di Asti per nulla appiattita sull’idea di un declino lento e inesorabile.
L’Asti barocca si presenta come un centro culturale abile a cogliere e rielaborare, in forme giammai periferiche o trascurabili, i modelli figurativi provenienti dalla corte torinese e da altri ambiti geografici. La composita geografia territoriale e politica dell’astigiano in età moderna si rispecchia nella costellazione di sollecitazioni culturali, botteghe – locali e forestiere – e committenti che in tale regione si intrecciarono dando vita a sperimentazioni e aggiornamenti figurativi.
In questa prospettiva di lungo periodo si chiarisce l’esecuzione di alcune opere capitali per l’illustrazione della storia artistica della città e di quella che diventerà la sua Provincia.

Nella città d’Asti in Piemonte
ISBN:  978-88-6373-516-1
Pagine:  320 con foto a colori
Formato:  23x28 cm
Anno:  2017
Note:  28 ottobre 2017 25 febbraio 2018 Palazzo Mazzetti - ASTI catalogo della mostra

Titolo  
Nella città d’Asti in Piemonte
€    40,00